SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

2018 10 settembre

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

Ne soffre più la donna che l'uomo e comunque molte persone tra quelle che fanno lavori manuali o lavori ripetitivi o di precisione.


L'età conta perchè difficilmente accade ai giovani e giovanissimi di soffrirne: formicolio e intorpidimento, perdita della sensibilità, sensazione tipo scossa elettrica, dolore che di notte aumenta alle prime tre dita (pollice, indice e medio) comportano una perdita della forza della mano. Chi ne soffre chiede spesso di essere aiutato per aprire i barattoli o per stappare qualche bottiglia.


La sindrome del tunnel carpale è una sofferenza del nervo mediano che trova poco spazio nel canale carpale dove passa causa l'infiammazione della borsa tendinea dei muscoli flessori della mano. Può estendersi dalla mano e dal polso anche all'avambraccio e al braccio.


La fisioterapia è l'approccio conservativo che può risolvere il problema, può preparare la mano  all'intervento chirurgico o può riabilitare la mano dopo l'intervento chirurgico.


Si utilizza la terapia manuale per agire sull'infiammazione, sul nervo al fine di liberarlo lungo il suo tragitto, sulle fasce del tunnel carpale per creare più spazio, per renderle elastiche e limitare la compressione che causa i disturbi.


Anche la terapia fisica come la diatermia, l'ultrasuono a contatto e il laser possono ridurre l'infiammazione.


Alcuni esercizi da fare da soli in aggiunta alla fisioterapia portano in allungamento le fasce con gradualità, aumentano il flusso sanguigno e rilassano i fasci muscolari e tendinei.


Per maggiori informazioni, rivolgiti a Starbene Group Fisiomedica


 



 tunnel carpale, sindrome tunnel carpale